Enertips27 Marzo 2024

Quanto consuma una lavastoviglie?

Il consumo di una lavastoviglie è un argomento importante, soprattutto in un’epoca in cui l’efficienza energetica e il risparmio delle risorse sono diventati fondamentali.

È importante per tutti noi, non solo proteggere attentamente le nostre finanze, ma anche impegnarci attivamente nella salvaguardia del nostro pianeta. La nostra responsabilità nei confronti dell’ambiente è fondamentale per garantire un futuro sostenibile.

Quanto consuma una lavastoviglie?

Il consumo di una lavastoviglie varia in base al modello, alla capacità, ai programmi di lavaggio e alle tecnologie con cui è realizzata. In media, una lavastoviglie moderna consuma tra 0,8 e 1,5 kWh per ciclo di lavaggio.

Non è semplice però stabilire con esattezza il reale consumo dell’elettrodomestico, dato che i molteplici modelli presenti sul mercato hanno caratteristiche differenti tra loro, che possono influire notevolmente sul risparmio o sul consumo eccessivo di corrente.

  • La lavastoviglie a due porte ha due compartimenti indipendenti, permettendo di lavare stoviglie in uno scomparto mentre l’altro è vuoto o in uso. Il consumo può variare in base al modello e alla marca, ma generalmente offre una maggiore flessibilità nel gestire diversi tipi di carichi, potenzialmente riducendo il consumo energetico e idrico.
  • La lavastoviglie da incasso, per essere integrata nell’arredamento della cucina, è generalmente efficiente sia in termini di consumo energetico che idrico, con variazioni a seconda del modello e delle impostazioni di lavaggio.
  • La lavastoviglie americana può contenere più stoviglie per ciclo. La classe energetica può variare, ma a causa delle dimensioni maggiori, potrebbe consumare più energia e acqua per ciclo.

Altro parametro da considerare è la classe energetica a cui appartiene l’elettrodomestico. Una lavastoviglie di vecchia generazione, appartenente a una classe D ad esempio, può consumare il doppio o il triplo rispetto a una lavastoviglie nuova, di classe A+++.

Quali sono allora i fattori che incidono sul consumo di energia elettrica della lavastoviglie?

Efficienza energetica della lavastoviglie Le lavastoviglie con una migliore classificazione energetica (A+++, A++, A+) consumano meno energia rispetto ai modelli meno efficienti. Questo è dovuto all’uso di tecnologie avanzate come motori efficienti, sistemi di riscaldamento ottimizzati e miglior isolamento.

Modalità di lavaggio scelta Le lavastoviglie offrono diversi programmi di lavaggio, ognuno con un consumo energetico diverso. Programmi rapidi o ecologici consumano meno energia rispetto a cicli intensivi o per stoviglie molto sporche, poiché utilizzano temperature dell’acqua più basse e cicli più brevi.

Temperatura dell’acqua L’energia richiesta per riscaldare l’acqua rappresenta una significativa porzione del consumo energetico totale. Programmi che utilizzano acqua a temperature più elevate consumano più energia.

Capacità e carico effettivo Le lavastoviglie più grandi possono consumare più energia per ciclo, ma un carico pieno è generalmente più efficiente rispetto a cicli frequenti con meno stoviglie. Un carico ottimale utilizza lo spazio in modo efficiente senza sovraccaricare la macchina.

Condizioni di manutenzione Una lavastoviglie ben manutenuta funziona più efficientemente. I filtri intasati o un sistema idraulico ostruito possono aumentare il consumo energetico poiché la macchina deve lavorare di più per ottenere gli stessi risultati.

Opzioni di asciugatura Alcune lavastoviglie includono opzioni di asciugatura con calore, che richiedono più energia. Opzioni di asciugatura naturale o a basso consumo possono ridurre il consumo complessivo.

Utilizzo di specifici detergenti Alcuni detergenti sono formulati per lavorare meglio a temperature più basse, consentendo di utilizzare programmi di lavaggio che consumano meno energia.

Frequenza d’uso È ovvio che più frequentemente si utilizza la lavastoviglie, maggiore sarà il consumo energetico complessivo.

Luogo d’installazione La posizione della lavastoviglie nella cucina può influenzare anche il suo consumo energetico. Ad esempio, se è installata vicino a fonti di calore, come forni o la luce diretta del sole, potrebbe dover lavorare di più per mantenere temperature operative ottimali.

Come si può calcolare il consumo energetico della lavastoviglie?

Alla luce di quanto detto finora, è possibile fare un calcolo del consumo della lavastoviglie, ma bisogna prendere in esame alcune variabili.

  1. Devi innanzitutto trovare, nel manuale o sull’etichetta energetica dell’apparecchio, il consumo energetico medio per ciclo della tua lavastoviglie, espresso in kilowattora (kWh).
  2. Determina quante volte utilizzi la lavastoviglie in un determinato periodo (giornaliero, settimanale, mensile). Ad esempio, se la usi una volta al giorno, è ovvio che avrai 30 cicli in un mese.
  3. Moltiplica il consumo per ciclo per il numero di cicli nel periodo considerato. Ad esempio, se una lavastoviglie consuma 1 kWh per ciclo e viene utilizzata 30 volte al mese, il consumo mensile sarà di 30 kWh. La formula è : consumo per ciclo (kWh) x numero di nicli = consumo totale (kWh)
  4. Se utilizzi programmi diversi (come eco, intenso, rapido), ciascuno con un consumo energetico differente, dovrai fare una stima più dettagliata. Calcola il consumo medio per ciclo, ponderando il consumo specifico di ogni programma in base alla frequenza di utilizzo.
  5. Se vuoi sapere quanto spendi per l’uso della lavastoviglie, moltiplica il consumo totale in kWh per il costo per kWh della tua tariffa elettrica, specificato sulla bolletta. Questo ti darà una stima del costo energetico.

Nonostante tu segua attentamente i singoli passaggi però, sappi che questi calcoli possono non essere precisi. Anche se vuoi capire quanta acqua consuma la tua lavastoviglie, devi considerare altri fattori determinanti, come ad esempio l’efficienza energetica della lavastoviglie, le condizioni di manutenzione, il carico effettivo e il ciclo di lavaggio selezionato.

Pertanto, se vuoi avere un calcolo più preciso, puoi utilizzare un misuratore di energia che si collega tra la lavastoviglie e la presa di corrente. Questo tipo di dispositivo fornisce letture in tempo reale e storiche del consumo energetico.

Programma impostato e consumo idrico della lavastoviglie

C’è una forte correlazione tra programma impostato, quantità e temperatura dell’acqua, e tempi di lavaggio della lavastoviglie. Vediamo i programmi più comunemente usati.

  • ll programma intensivo, ideale per stoviglie molto sporche, utilizza acqua a temperatura elevata e tempi di lavaggio più lunghi → più energia.
  • Il programma eco utilizza meno acqua ed energia, operando a una temperatura più bassa e con tempi di lavaggio più lunghi per compensare.
  • Il programma breve utilizza meno acqua, ma spesso funziona a una temperatura più alta.
  • Il programma di prelavaggio o ammollo serve a sciacquare le stoviglie sporche in attesa di un ciclo completo, facilitando la rimozione dei residui di cibo. Se fatto ad acqua fredda, consuma meno energia di un ciclo ad acqua calda.

Come si può ridurre il consumo di una lavastoviglie?

Ora che hai sicuramente una panoramica più completa sul funzionamento della lavastoviglie, sui fattori che influenzano il consumo in bolletta e sui modelli presenti sul mercato con tutte le specifiche caratteristiche, ti starai chiedendo se c’è qualcosa che puoi fare tu per ridurre il consumo della tua lavastoviglie.

Ecco allora qualche suggerimento che ti potrebbe risultare utile.

  • Usa la lavastoviglie solo quando è piena, in modo da ridurre il numero di cicli necessari, risparmiando acqua ed energia.
  • Seleziona il programma Eco, dato che è progettato apposta per essere efficiente dal punto di vista energetico e utilizza meno acqua ed energia rispetto ai cicli standard.
  • Pulisci regolarmente i filtri e assicurati che gli spruzzatori siano liberi da ostruzioni. Una lavastoviglie ben mantenuta lava più efficientemente.
  • Evita il prelavaggio a mano per non consumare troppa acqua. Le lavastoviglie moderne sono abbastanza potenti da rimuovere lo sporco senza prelavaggio.
  • Se invece è la lavastoviglie ad avere un’opzione di prelavaggio, scegli di usare l’acqua fredda, se possibile. Questo riduce il consumo di energia necessario per riscaldare l’acqua.
  • Carica la lavastoviglie in modo efficiente per massimizzare lo spazio e garantire che tutte le stoviglie siano esposte all’acqua e ai detergenti.
  • Usa detergenti di qualità e nella giusta quantità. Un eccesso di detersivo non migliora la pulizia e può richiedere più acqua per essere risciacquato.
  • Se la tua lavastoviglie ha una funzione di asciugatura al calore, considera di disattivarla e lascia che le stoviglie si asciughino all’aria.
  • Se la tua lavastoviglie è vecchia, considera di sostituirla con un modello più recente ed efficiente dal punto di vista energetico. I nuovi modelli sono progettati per usare meno acqua ed energia. Dovrai fare solo un piccolo investimento iniziale, ma poi risparmierai tutti i mesi sulla bolletta della luce!

Seguendo questi suggerimenti, riuscirai a minimizzare il consumo di acqua ed energia, mantenendo comunque un’efficacia di lavaggio ottimale. Inoltre, potrai finalmente ridurre il consumo di energia e acqua della tua lavastoviglie.

abbiamo tanti modi per
rimanere al tuo fianco

Per telefono, via chat o dall’area clienti.

scegli come contattarci
illustrazione ti serve aiuto?